Il Cammino di Francesco a modo mio: Tappa 21 da Sulmona a Pescocostanzo su sentiero

campi evidenza Cammino Francesco 2016

Se cercate avventura, natura selvaggia, fatica e tanto sudore allora potete fare il sentiero che, partendo dopo il cimitero di Sulmona, va in direzione Pescocostanzo! La notte trascorre tranquilla nel mio bivacco improvvisato, solo ad un certo punto mi sveglio sentendo qualcosa vicino alla testa, sbircio oltre la sacca dei vestiti che mi fa da cuscino e chi mi vedo illuminato dalla luna? Un enorme riccio che sta annusando evidentemente cerca di cibo! Spaventato dal mio movimento brusco, scappa come una saetta e scompare sotto a dei cespugli! Non l’ho sognato eh … era vero 😉 Dopo qualche ora mi alzo, mi lavo, mangio e comincio a camminare. Il bello di partire prima del sorgere del sole è che ad ogni passo la luce cambia e colora man mano il paesaggio intorno a te.

squarcio_Cammino Francesco_2016

acquedotto Cammino Francesco 2016

Inizio quasi subito ad inoltrarmi in un bel vallone fiancheggiando oliveti, ed a piegare a sinistra salendo rapidamente lungo un sentiero ben segnato, anche se a tratti di difficile percorribilità per via di una serie di alberi caduti. Si fatica, il percorso è molto ripido e, una volta superato il primo colletto, bisogna seguire i tralicci della linea elettrica e le paline del metano, unici segni antropici in un paesaggio totalmente selvaggio e maestoso. Sono nel vallone di Grascito e con il sopraggiungere del sole arrivano anche un bel gruppo di insetti che mi circondano, accompagnandomi durante la salita che ora è in totale fuori sentiero (non c’è più). Bisogna quindi risalire la montagna camminando su erba bella altina ed a tratti spinosa e seguendo a vista i pali.

valli Cammino Francesco 2016

Ad un certo punto inizio a sentire dei campanacci e dopo poco l’intera vista davanti a me si riempie di vacche, manzi e vitellini, che con incedere abbastanza sostenuto scendono al pascolo! Certo, direte voi, se fossero stati una schiera di Uruk-hai di Mordor sarebbe stato peggio, ma anche questi docili animali, la cui vista ben conosciamo, in presenza dei piccoli possono diventare aggressivi nei confronti di un potenziale pericolo. Ormai sono a poche decine di metri, la terra quasi trema sotto i loro zoccoli, l’unica via di uscita è andare tutto a destra e rifugiarmi in una provvidenziale macchia di arbusti intricati e piccoli alberi. Nascosto, lascio sfilare la mandria e poi riprendo a salire, ritrovando la traccia che mi porta a un cancelletto dove mi attende un problema ben più grave…

mucche Cammino Francesco 2016

Mappa e guida mi indicano di scendere subito a destra per tagliare un’ampia curva della strada bianca; mi rendo però conto che dovrei attraversare una piccola azienda agricola, evidentemente del pastore proprietario delle mucche viste poco prima. Sto valutando come proseguire, propenso ad evitare l’attraversamento, quando una serie di ormai familiari ringhi mi conferma nell’intuizione: qui ci sono cani liberi e nessun umano in vista! Tempo di realizzare ed iniziare a fare dietrofront e due cani saltano fuori e mi si avventato contro! Me ne vado, batto le bacchette al suolo camminando via veloce ma loro continuano a inseguirmi! Una volta lontano sulla strada, tento di aggirare la casa per ricongiungermi alla strada bianca, ma essi mi vedono ed ora arrivano in cinque! Ve la faccio breve, devo allungare tagliando nei campi e ricongiungermi al percorso sano e salvo solo nei pressi degli scavi archeologici di Ocriticum, dove sono stati rinvenuti resti di templi antichi. Sito deserto e abbastanza insignificante, mi riserva comunque una piacevole sorpresa: un capanno in legno per ripararsi, con corrente elettrica fornita dai pannelli solari sul tetto! Zero acqua però.

prato fiorito Cammino Francesco 2016

Dopo la  sosta riparto e continuo a percorrere vallate solitarie, dove spesso il sentiero è solo una traccia nell’erba, fino a raggiungere un bosco di faggi in cui riemerge l’antica strada romana Numicia, che salgo nella pace della tarda mattinata, interrotta solo dal gorgoglio del torrente. Attraversata la strada moderna, dove il ristoro è chiuso, non trovo fontane e due gentili ragazzi di passaggio mi donano un litro di acqua (ero ormai quasi a secco). Riprendo a salire nella faggeta raggiungendo un punto davvero magico: sembra il campo base di Robin Hood nella foresta di Sherwood, Faggi dai tronchi contorti e dai rami lunghissimi che si aggrovigliano tra loro creando una radura con la presenza di veri e propri alberi monumentali!

Aldalbero Cammino Francesco 2016

Da lì, passata un’altra fontanella senz’acqua, scendo all’Eremo di Sant’Antonio, chiuso come previsto (apre solo per la festa annuale il 13 giugno) e sono poi in un nuovo grande altopiano che attraverso tutto su strada arrivando a scorgere, in alto sul versante destro della montagna, la meta del mio trekking di oggi sul Cammino di Francesco: Pescocostanzo. Passa qualche ciclista e pioviggina un po’, giusto per farmi tirar fuori coprizaino! Nei pressi dell’Eremo di San Michele, nuovo incontro con simpatico cane lupo, che però il pastore richiama subito, tornando poi a badare all’enorme numero di mucche guidate da un asino, dallo stesso pastore e da alcuni cavalli. La cosa incredibile è vederli procedere lentamente nel prato, tutte in fila in orizzontale appena dietro all’asino. E tutte a capo chino a brucare! In paese, un gioiellino bianco tutto in salita (!), conosco Giuseppe, che ha segnato il sentiero da Sulmona e il suo amico Graziano, che mi offre la cena, deliziosa! Commosso ringrazio. Gente buona e generosa che sa riconoscere la fatica avendola provata a sua volta.

Sempre avanti, domani si arriva in Molise!

strada Cammino Francesco 2016

Aldo majella Cammino Francesco 2016

vicolo Cammino Francesco 2016

Commenti

Marina
14 luglio 2016
Non conosco Lucrezia che ha scritto il commento precedente, ma concordo pienamente con lei sul fatto che i tuoi articoli sono davvero come un romanzo a puntate che lascia col fiato sospeso e la voglia di leggere il prossimo capitolo con nuove incredibili avventure. Secondo me sarebbero perfetti per una fiaba illustrata per bambini... Perché no?!...Il fumettista lo conosco già... Si deve solo trovare un editore (magari di stampo cattolico?) e il gioco è fatto! Io mi prenoto per una copia della prima edizione😉 Buon cammino e in bocca al lupo (o ai cani se preferisci!😜)
16 luglio 2016
Eh dai può essere una buona idea ... ci pensiamo. Intanto per ora dobbiamo arrivare alla fine!
Angela Maria Seracchioli
14 luglio 2016
beh io, segnando il sentiero e camminandolo per descriverlo nella guida, lì ho incontrato una lupa! Che bella! Al contrario dei cani...che io non ho mai incontrato, i lupi scappano alla vista dell'uomo, so che è una lupa perchè il ragazzo, guida ambientalista anche lui, del primo ristorantino sull'altipiano, alla mia segnalazione del bellissimo incontro, è andato in zona e l'ha vista...una vecchia lupa solitaria che vive da sola in una piccola radura e nel bosco. Un consiglio per i cani, anzi 4, camminare senza agitarsi e agitare le bacchette, non guardarli...loro si stufano così di seguirti (l'ho fatto varie volte su vari cammini ed ha sempre funzionato) consiglio 2 datomi da una persona del Cai di L'Aquila, portare in tasca dei petardini da bambini, scappano a gambe levate. Consiglio 3 prendere in mano un sasso e fare l'atto di lanciarglielo. Consiglio 4 ed è il più importante, in presenza di un gregge mai attraversarlo, i cani da pastore lo ritengono un attacco ai loro protetti, aggirarlo camminando lentamente, mai correre. Credimi, credetemi funziona in Terra Santa sono stata accerchiata da cani ringhianti, il metodo tiro del sasso e calma ha funzionato! Ciaooo, il Molise sarà bellissimo!
16 luglio 2016
Sì a parte i petardi che mi sembrano eccessivi sono metodi che uso anche io e che consigliano in tutti i corsi avanzati di escursionismo. Certo a volte sono belli fastidiosi 😂
Lucrezia
13 luglio 2016
Grande Aldo... Oggi coi cani mi sono un po' preoccupata... Nelle passeggiate in montagna ho sempre temuto i cani-pastore lontani dal pastore... CONTENTA di aver letto il finale con Camilla (anche lei un po' spaventata dai cani!) Ti auguro buon proseguimento! Sei ormai il nostro romanzo avventuroso a puntate!!! Buonanotte e buon cammino. Lu
16 luglio 2016
Grazie Lu! Dai adagio adagio proseguo e la Puglia, ultima regione che attraverseró in parte, si avvicina. Un bacione super a Camilla!

Lascia un commento